Pubblicato in: Amore, Politica, Vita

Sulle unioni civili e il ddl Cirinnà

Quello che penso riguardo al decreto Cirinnà è semplice: ha sbagliato mira.
Perché mettere insieme due questioni così diverse come una regolamentazione giuridica per le coppie omosessuali e la questione dei figli (con la stepchild adoption)? Ha fatto un calderone, quando poteva procedere step by step, come insegna anche il buonsenso più spicciolo.

Diritti o no?

Per quanto riguarda i diritti alle coppie omosessuali, io sono d’accordo. Continuare a far finta che in Italia esistano giuridicamente solo le coppie etero mi sembra un po’ ipocrita. Che ci sia una regolamentazione patrimoniale, di assistenza, che garantisca loro il diritto basilare di scegliere di poter lasciare l’eredità al compagno/a o di far sì che sia lo stesso ad occuparsi dell’assistenza ospedaliera etc. mi sembra piuttosto saggio. Proprio in un’ottica umana, che è poi la stessa cosa che dire ottica cristiana (ho imparato che Cristo sempre promuove l’uomo nella sua interezza), mi sembra giusto occuparsi con sguardo di carità e rispetto di queste coppie. Continua a leggere “Sulle unioni civili e il ddl Cirinnà”

Pubblicato in: Chiesa Cattolica, Politica

Elezioni 2013: chi deve votare un cattolico?

Indicazioni dall’arcivescovo di Bologna Carlo Caffarra

In vista delle elezioni di febbraio, questa domanda mi martella continuamente nella testa. Io – cattolica – chi voto? Chi devo votare? La domanda si fa più pressante e urgente di sempre, e la risposta non è scontata. Anzi a me sembra nascosta, quasi introvabile.

Sto sfogliando e leggendo i programmi dei vari partiti che si candideranno alle elezioni (purtroppo non c’è un sito ufficiale su cui leggerli, quindi sono ovviamente tutti inficiati dai pensieri di chi li scrive) e non ce n’è neanche uno che mi rispecchia pienamente. Allora – mi dico – devo provare a prendere il “meno lontano”, a scegliere il “meno peggio”. Ma come faccio a fare questa sorta di discernimento? Quali sono i valori cardine ai quali mi devo ispirare?

In quanto cattolica la mia bussola deve essere il Vangelo. E qui la strada inizia ad essere in salita: il sunto di tutto è l’amore. La carità. L’accoglienza degli ultimi. La condivisione. Il dono. La capacità di perdonare. La mitezza. La pace.
Continua a leggere “Elezioni 2013: chi deve votare un cattolico?”